Windows 8 arriva il 26 ottobre; l'aggiornamento costa 40 dollari
Scritto da Katiuscia ( 20/07/2012 @ 21:08:46, in Software, linkato 688 volte)

Il nuovo sistema operativo esordirà in 231 mercati e 109 lingue.

Windows 8, il sistema operativo Microsoft di nuova generazione, sarà operativo dal prossimo 26 ottobre. Lo ha annunciato il direttore della Comunicazione del colosso americano, Brandon LeBlanc, spiegando che il software esordirà in 231 mercati e 109 lingue.
Microsoft ha venduto oltre 630 milioni di licenze di Windows 7 lanciato nell'ottobre 2009. Il nuovo sistema sarà in grado di supportare un maggior numero di dispositivi compresi quelli per gli smartphone e per i tablet.
Microsoft, inoltre, ha reso finalmente pubblici i percorsi di aggiornamento a Windows 8 Pro dalle precedenti versioni del sistema operativo, specificandone innanzitutto il prezzo: 39,99 dollari (circa 31,80 euro al cambio corrente) per l'aggiornamento via Internet, e di 69,99 dollari (circa 55,70 euro) per quello classico via DVD. Sarà possibile effettuare l'upgrade alla nuova release da Windows 7, Windows Vista Service Pack 1 o superiori e Windows XP Service Pack 3.
Non per tutti il processo di aggiornamento verrà effettuato con le stesse modalità: infatti, mentre gli utenti di Windows 7 ritroveranno i documenti, le impostazioni personali e le applicazioni installate, quelli di Vista non avranno la possibilità di salvare queste ultime, mentre quelli di XP su 8 troveranno solo i propri documenti.
L'inizio della vendita delle versioni "aggiornamento" di Windows 8 coinciderà con l'uscita ufficiale di quest'ultimo sul mercato il prossimo autunno, ed il programma di aggiornamento a prezzo ridotto proseguirà fino al 31 gennaio 2013.
La scelta di un così drastico abbassamento del prezzo della versione upgrade di Windows 8 è sicuramente una notizia molto interessante: se pensiamo infatti al fatto che l'equivalente per Windows 7 Home Premium in Europa è venduto tutt'ora a 119,99 euro, cifra di parecchio superiore a quella annunciata da Microsoft per 8 (che tra l'altro, permetterà l'aggiornamento alla più completa versione Pro, e non alla "base", indipendetemente dall'edizione attualmente in uso), si intuisce chiaramente che l'azienda di Redmond ha voluto invogliare in maniera importante l'utenza a passare alla nuova release di Windows, magari anche per paura di subire un flop commerciale viste le numerose critiche giunte da tanti utenti che hanno provato le versioni preliminari di Windows 8.
Aspettiamo inoltre di sentire il prezzo della versione "full" che, visto il costo ridotto dell'aggiornamento, sarà con tutta probabilità molto conveniente rispetto al passato.